DIPARTIMENTO ARTIGIANATO

DIPARTIMENTO ARTIGIANATO

Il Dipartimento rappresenta i lavoratori dipendenti di imprese artigiane che applicano uno dei sette contratti del’ artigianato. Piccola e Bella è l’associazione promossa dalla CISL MILANO METROPOLI per assistere e tutelare i dipendenti, gli operatori sindacali di PICCOLA E BELLA sono a disposizione per la verifica e la correttezza dei contratti di lavoro applicati, il controllo delle buste paga, l’assistenza sindacale in caso di contenzioso con l’azienda e per l’opposizione ai licenziamenti e assiste i lavoratori svolgendo il ruolo di tutela sindacale in rapporto con le associazioni delle imprese artigiane e con gli studi di consulenza del lavoro, per la corretta applicazione degli ammortizzatori sociali in caso di crisi e difficoltà, cercando tutte le soluzioni utili e possibili per evitare la perdita di posti di lavoro, fornisce informazioni sui diritti riferiti a salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. 

L’operatività dell’associazione sul territorio del Dipartimento Artigianato affianca le federazioni di categoria della industria: 
FIM (METALMECCANICI)
FEMCA (CHIMICI TESSILI)
FILCA (ARTIGIANI DEL LEGNO E DELL’ARREDO) 
FISTEL(GRAFICI-CARTOTECNICI-COMUNICAZIONE)
FAI (ALIMENTARISTI) 
FISASCAT(COMMERCIO-TERZIARIO- PULIZIE- ACCONCIATURE ED ESTETICA)
FIT (TRASPORTI)

I dipendenti hanno diritto a misure economiche integrative per il sostegno al reddito, lo Sportello artigianato Cisl Milano Metropoli aiuta i lavoratori ad ottenere le prestazioni sanitarie previste dai fondi San.Arti e Wi.La. e alle provvidenze dell’Ente lombardo per l’artigianato  Elba, costituito dalla Cisl insieme alle altre organizzazioni sindacali e datoriali. 

COME CONTATTARCI:

Sede Centrale Milano
Via Alessandro Tadino 23 
Tel 02.20525375 Fax 02.20403441
e-mail: artigiani.milano@cisl.it

Fabio Crepaldi - Responsabile "Piccola e bella" - cell. 348-9999739  fabio.crepaldi@cisl.it 

Roberta Ferrante (San.Arti, Wi.La, Elba) - cell. 393-5733278 roberta.ferrante@cisl.it 

Sede Legnano
Via XXIX Maggio, 54 
Lunedì dalle 14:30 alle 18:00
Rif. Renzo Arpilli cell. 335-1596600 renzo.arpilli@cisl.it 

Su appuntamento le sedi di:
-Castano Primo 
-Parabiago

Guarda il video di presentazione

 

I FONDI

SAN.ARTI 
E’ il fondo di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori dell’ artigianato costituito il 23 luglio 2012 in attuazione dell’accordo interconfederale del 21 settembre 2010 e dei contratti collettivi nazionali di lavoro dell’artigianato in vigore. Le parti costituenti sono Cgil, Cisl, Uil, Cna, Confartigianato, Claai, Casartigiani.  San.arti è rivolto a lavoratori e famigliari delle imprese che applicano i ccnl dell’artigianato, a titolari/soci/collaboratori e famigliari dell’imprese artigiane, ai lavoratori / titolari soci/ collaboratori e famigliari di pmi non artigiane che applicano un ccnl dell’artigianato.

CCNL DELL’AREA MECCANICA, INSTALLAZIONE DI IMPIANTI, ORAFI, ARGENTIERI ED AFFINI, ODONTOTECNICI 
CCNL AREA CHIMICA CERAMICA 
CCNL AREA LEGNO LAPIDEI
CCNL ALIMENTARE E DELLA PANIFICAZIONE 
CCNL ACCONCIATURA ESTETICA CENTRI BENESSERE
CCNL AREA COMUNICAZIONE 
CCNL AREA TESSILE E MODA 
CCNL IMPRESE PULIZIE ARTIGIANE 

Tutte le imprese dove le lavoratici e lavoratori lavorano con queste tipologie di contratto sono tenute a versare per i propri dipendenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato, da apprendista e a tempo determinato pari o superiore a 12 mesi un contributo mensile di € 10,42 a lavoratore. la mancata contribuzione al fondo San.Arti determina l’obbligo per il datore di lavoro a erogare un importo forfettario che dovrà essere chiaramente indicato in busta paga sotto la voce elemento aggiuntivo della retribuzione, pari a 25 € lordi mensile per 13 mensilità, così come previsto dagli articoli diritto alle prestazioni della bilateralità ed assistenza sanitaria integrativa dei ccnl di cui art. 7 del regolamento del fondo.
Le prestazioni erogate da San.Arti costituiscono inoltre un diritto soggettivo di matrice contrattuale dei lavoratori e per tanto l’azienda ometta il versamento della contribuzione al fondo e’ altresi’ responsabile verso i lavoratori non iscritti della perdita delle relative prestazioni sanitarie, fatto salvo il risarcimento del maggior danno subito.


WI.LA 
Il fondo di assistenza sanitaria e sociale integrativa lombardo dell’artigianato, frutto della contrattazione regionale, costituito nel luglio  per lavoratici e lavoratori dipendenti dell’artigianato e dalle imprese che applicano i sette contratti collettivi regionali di lavoro sottoscritti dalle stesse parti: è previsto il versamento di 5 € mensili per lavoratore previsto dalla contrattazione collettiva regionale di lavoro. le prestazioni soci o sanitarie erogate dal fondo costituiscono un diritto contrattuale, per tanto l’impresa che ometta il versamento dei contributi suddetti è responsabile verso i lavoratori non iscritti al fondo della perdita delle relative prestazioni. La mancata contribuzione al fondo determina quindi l’obbligo per il datore di lavoro ad erogare un importo forfettario che dovrà essere indicato in busta paga, sotto la voce elemento aggiuntivo della retribuzione di ii livello pari a 12 € lordi per 13 mensilità tale importo incide su tutti gli istituti retributivi di legge e contrattuali compresi quelli diretti o indiretti, con esclusione del tfr.

 

ELBA 
E’ l’Ente Lombardo Bilaterale Artigiano costituito in via contrattuale dalle organizzazioni sindacali ed imprenditoriali che eroga sostegni economici (provvidenze) integrativi a lavoratori ed imprese artigiane (escluso le EDILI). Le provvidenze sono definite annualmente ed erogate, dietro presentazione della domanda, a condizione che l’azienda sia in regola con i versamenti previsti. La mancata contribuzione al fondo determina l’obbligo per il datore di lavoro a erogare un importo forfettario che dovrà essere chiaramente indicato in busta paga sotto la voce elemento aggiuntivo della retribuzione, pari a 25 € lordi per 13 mensilità.

FSBA
Le misure sono destinate ad assicurare ai lavoratori una tutela reddituale in costanza di rapporto di lavoro, in caso di riduzione o sospensione dell’attività lavorativa. Ai lavoratori sospesi per crisi aziendali o occupazionali regolarmente iscritti ad FSBA è fornita una indennità ai sensi dell' art. 27, del d.lgs n. 148/2015, nei limiti previsti dagli articoli 30 e 31 del d.lgs 148/2015Le integrazioni sono previste per un massimo di 156 giornate di effettivo utilizzo per orario di lavoro settimanale distribuito su 6 giorni nell’arco di un biennio mobile, in caso di assegno di solidarietà con orario di lavoro distribuito su 6 giorni, come da Regolamento FSBA.
Le prestazioni diverse dal sostegno al reddito erogate da FSBA sono decise ed erogate ai lavoratori ed alle imprese dagli Enti Bilaterali Regionali dell’Artigianato facenti capo all’EBNA.

FONDARTIGIANATO
Il Fondo Artigianato Formazione promuove, realizza e diffonde iniziative di formazione continua all'interno di piani formativi elaborati in sede di dialogo sociale, volte alla valorizzazione delle risorse umane ed allo sviluppo dei settori di attività dell'artigianato delle piccole e medie imprese. La formazione continua costituisce infatti il fattore determinante per il miglioramento delle funzioni strategiche funzionali a gestire il cambiamento, l'innovazione organizzativa dell'impresa e l'adeguamento delle sue strategie commerciali, il consolidamento della sua presenza sul mercato, nonchè la crescita delle competenze dei lavoratori e delle loro prospettive professionali.
 

ALLEGATI
CISL MILANO WELFARE ARTIGIANATO
SAN.ARTI
GUIDA PIANO SANITARIO SAN.ARTI
PRESTAZIONI WI.LA 2018
PROVVIDENZE ELBA 2018