IMMIGRATI
MOBILITAZIONE

People, mettere al centro le persone

Il 2 marzo mobilitazione a Milano per i diritti, contro il razzismo e le discriminazioni. Sindacati, associazioni, organizzazioni umanitarie: "Sarà una festa per l'inclusione".   

People, prima le persone: è questo lo slogan della manifestazione che sabato 2 marzo attraverserà Milano per dire si ai diritti e all'inclusione e no al razzismo.

Il corteo - organizzato da una rete che raccoglie sindacati, associazioni, organizzazioni umanitarie, realtà della società civile - partirà alle ore 14 da Corso Venezia e si concluderà davanti alla Stazione Centrale. . 

“Aderiamo alla manifestazione – spiega Maurizio Bove, presidente di Anolf e responsabile del Dipartimento immigrazione della Cisl milanese - perché, come sindacato, ci battiamo quotidianamente per l’integrazione di tutti i cittadini e contro ogni forma di discriminazione. La sicurezza e la legalità si  garantiscono  attraverso leggi e politiche che favoriscono ingressi legali e inclusione, non alzando barriere inutili e inefficaci. Siamo contrari alle scelte in materia di immigrazione  fatte in questi ultimi anni e mesi dalla politica. Scelte che hanno solo generato clandestinità e illegalità”. 

L'elenco degli aderenti è lungo (e in divenire): si va da Cgil, Cisl e Uil alle Acli, dall'Anpi ai Sentinelli di Milano, dalla Casa della Carità alla Comunità di Sant'Egidio, da Amnesty International a Libera, da Emergency a Mamme per la pelle, dall'Anolf all'Arci.

In allegato il testo dell'appello, a cui si può aderire anche all'indirizzo www.people2march.org 

17/01/2019
ALLEGATI
L'appello (.pdf)