ATTUALITÀ
SETTORE AGROALIMENTARE

Mellin: importante accordo sull'isopensione

Fai Cisl Milano: "Strumento che dà certezze. L'intesa dimostra il valore della contrattazione e la maturità delle relazioni sindacali costruite con l'azienda e nel Gruppo Danone".

Una certezza in più per i lavoratori “maturi”. I sindacati hanno sottoscritto un importante accordo in tema di previdenza con la Mellin, marchio leader nel baby food (settore agroalimentare) con sede in via Farini a Milano. E’ stato, infatti, confermato per il 2018 lo strumento dell'isopensione, che offre alle persone interessate la possibilità di beneficiare di una provvista economica mensile messa a disposizione dall'azienda fino alla maturazione del diritto alla pensione.

“La novità di quest'anno - spiega Anna Sciarra, Rsu Fai Cisl e rappresentante Cae -, è che l’opportunità di usufruire dell'isopensione coinvolgerà le colleghe e i colleghi a cui mancano fino a 5 anni alla pensione, aumentando dunque di un anno, da 4 a 5, l'orizzonte temporale oggetto dell'accordo, grazie alle novità legislative in tema. Con questo strumento le persone potranno fare affidamento su un reddito sicuro che li accompagnerà alla pensione senza incertezze, potendo anche contare per il tempo in cui beneficeranno dell'isopensione della copertura assicurativa sanitaria garantita dall'accordo”.

I sindacati sono soddisfatti per il risultato raggiunto, frutto di una seria attività di contrattazione.

“L'accordo sottoscritto in Mellin - osservano Alessandro Marchesetti e Gennaro De Falco della segreteria della Fai Cisl Milano Metropoli -, dimostra ancora una volta la maturità delle relazioni sindacali costruite negli anni in Mellin e nel gruppo Danone. Le organizzazioni sindacali e l'azienda hanno saputo individuare la via migliore per offrire gli  strumenti più opportuni alle persone vicine alla pensione, che dopo anni ed anni di lavoro hanno diritto a garanzie certe. Garanzie che la contrattazione ha saputo dare anche grazie all'utilizzo delle ultime novità legislative in tema di isopensione, a dimostrazione dei fecondi ed importanti risultati che un modello misto, composto da azione di rappresentanza sociale e legislazione, può produrre. Grazie a tutti coloro che hanno reso possibile questa intesa”.

 

07/11/2018