ATTUALITÀ
SGOMBERI

Guaetta, Siulp Milano: “Non servono militari per garantire la sicurezza in città” 

Il segretario generale del sindacato dei poliziotti legato alla Cisl interviene sulle polemiche dopo la richiesta di utilizzo dell'esercito negli sgomberi.

In riferimento alla lettera inviata al prefetto Luciana Lamorgese dall’assessore regionale alle Politiche sociali e Casa, Stefano Bolognini, per chiedere l’utilizzo dell’esercito negli sfratti, il segretario generale del Siulp di Milano, Mauro Guaetta, ha rilasciato la seguente dichiarazione: 

“Siamo da sempre contrari all’utilizzo dei militari per compiti di polizia, anche in occasione degli sgomberi, perché per status e formazione non sono, a nostro parere, specificamente addestrati. Lo diciamo oggi all’assessore regionale Bolognini, come lo avevamo detto nel novembre del 2016, all’allora assessore comunale alla Sicurezza, Carmela Rozza, quando chiedeva l’impiego dell’esercito per garantire la sorveglianza in città. Prendiamo atto che l’attuale consigliera regionale Rozza ha cambiato idea e ci mettiamo a disposizione delle istituzioni per discutere seriamente di come riorganizzare il sistema-sicurezza a Milano: bisogna passare dalle tante parole usate in campagna elettorale da tutti gli schieramenti, ai fatti concreti”.
 
Il Siulp è il sindacato di Polizia più rappresentativo  nel milanese.
 

27/06/2018